Una mini foresta tropicale a Genova

Di Vittorio Puggioni

Tutti coloro che hanno avuto l’opportunità di visitare l’area del Porto Antico di Genova, ricorderanno una struttura in vetro e acciaio che, collegata da un breve pontile, si stacca dalla banchina su cui sorge l’Acquario di Genova, per protendersi sul bacino del porto. E’ la Biosfera.

buonviaggioitalia_biosfera
Rappresenta e ricostruisce una piccola foresta tropicale e ospita, insetti, pesci e uccelli, oltre che a molte specie vegetali, che provengono in buona parte dalle storiche collezioni botaniche del Comune di Genova: ricordiamo le felci arboree, le più alte al mondo coltivate in vaso, ma anche piante utilizzate dall’uomo come l’albero della gomma da masticare, o il caffè, il tamarindo, il pepe nero, o dal nome decisamente esotico come il Jaboticaba.

La disposizione della vegetazione che avvolge il percorso, rende bene l’idea dell’intrico della foresta. Un laghetto ospita i Piranha, un altro la tartaruga Mata mata e la piccola tartaruga Sternoterus.

buonviaggioitalia_biosfera
Tra gli uccelli possiamo vedere l’Ibis Scarlatto e molte specie di Tessitori, oltre allo Storno Superbo. Sagome coloratissime che volano sopra la nostra testa. Alcuni davvero molto piccoli, e sarà un esercizio divertente cercare di individuarli posati sui rami nell’intrico delle piante.

buonviaggioitalia_biosfera
La visita alla biosfera è anche un modo, sotto la guida degli esperti presenti nella struttura, per capire la bellezza, la complessità e anche la fragilità delle foreste tropicali, ricchissime di biodiversità, e sempre più a rischio a causa dell’espandersi delle attività umane.

buonviaggioitalia_biosfera
Un’altra caratteristica è il controllo computerizzato del clima al suo interno, che fa sì che questo piccolo microcosmo possa vivere seguendo il normale susseguirsi delle stagioni, offrendo sempre uno spettacolo nuovo ai nostri occhi.

buonviaggioitalia_biosfera
La Biosfera in numeri:

  • 20 metri di diametro
  • 60 tonnellate di peso
  • Oltre 250 specie vegetali
  • Diverse specie di uccelli
  • 4 specie di testuggini palustri
  • 60 – 70% di umidità
  • 20 – 28° temperature minima e massima

INDICAZIONI STRADALI PER RAGGIUNGERE LA BIOSFERA

buonviaggioitalia_biosferaArea del Porto Antico di Genova, vicino all’Acquario.
Autostrada A12, A7, A10, uscita casello “Genova-Ovest ” proseguire per circa 2 km in direzione centro (Via Milano, Via Gramsci), 50 mt prima del sotto passo di P.zza Caricamento parcheggio sulla destra.
Per chi arriva in treno: scendere Stazione Genova P. Principe, da qui l’Acquario è raggiungibile:
– A piedi in 10/15 minuti
– In autobus n. 1 per P.zza Caricamento;
– In metropolitana direzione De Ferrari (arrivo stazione S. Giorgio).

per chi scende alla Stazione di Genova Brignole l’Acquario è raggiungibile:
– In autobus n. 12 – 13 per P.zza Caricamento.
Per chi atterra all’Aeroporto Cristoforo Colombo, l’Acquario è raggiungibile (7 km):
– In taxi (circa 15 minuti);
– In autobus (circa 30 minuti) con il Volabus, fermata P.zza De Ferrari  e proseguimento a piedi per Via san Lorenzo.
Per i crocieristi dal Terminal Crociere: autobus n. 1 (circa 20 minuti).
Autobus: linee numero 1, 12, 13 con capolinea di fronte all’Acquario.
Metropolitana: fermata San Giorgio.

TAGS
biosfera, Acquario Genova, vasca cetacei, terminal crociere,  Porto Antico di Genova, cosa vedere a Genova, expo 2015, Renzo Piano, padiglione cetacei.