Il Museo di moto d’epoca più alto d’Europa

Sul Passo Rombo, tra Sud Tirolo e Alto Adige, ha aperto il Museo di moto d’epoca più alto del mondo, a 2.175 metri, con 190 motociclette e alcune auto storiche


di Alessandro Tavilla

In Europa c’è un Museo che guarda tutti gli altri dall’alto. Grazie alla sua posizione a 2.175 metri, infatti, osserva dall’alto verso il basso i suoi simili in tutto il Continente. Ci troviamo ai piedi del Passo Rombo, sulla strada alpina che collega il Tirolo con l’Alto Adige, nella vallata dell’Oetzal, dove ha da poco aperto il Top Mountain Motorcycle Museum, un Museo di moto d’epoca e macchine sportive gestito da due fratelli appassionati delle due ruote a motore e non solo, Attila e Alban Scheiber.

UN MUSEO CON 190 MOTO D’EPOCA

La struttura copre una superficie di 3.000 metri quadrati circa e prevede l’esposizione di oltre 190 moto reduci da epiche diverse e di vetture a quattro ruote che hanno fatto parte di tante gare della storia dell’automobilismo.
I due fratelli hanno deciso di costruire il Museo all’interno del Top Mountain Cross, che raggruppa la stazione di pedaggio dello stesso Passo Rombo, nonché la cabinovia a 10 posti Kirchenkarbahn e i locali di un ristorante, affidando all’architetto Michael Broetz il compito di stilarne il progetto che oggi ha preso vita con una struttura realizzata con molti materiali naturali, tra cui il legno, sia per gli interni che per gli esterni.

MARCHE DA TUTTO IL MONDO E MOTO STORICHE

All’interno delle sale espositive si può fare davvero un viaggio in giro per il mondo, data la varietà della provenienza dei motocicli, di 102 marche diverse, ognuno dei quali descritto col proprio nome, le caratteristiche peculiari e il paese di produzione. Tanti saranno, quindi prevedibilmente, i pezzi pregiati, tra cui quelli di case storiche quali A.J.S., BMW, DKW, Ducati, Harley-Davidson, Henderson, Honda, Indian, Matchless, Megola, Military, Motoguzzi, Münch, Norton, NSU, Sunbeam, Triumph, Vincent e Zündapp. In questa festa di mezzi a due ruote di valore, spiccano ad esempio una Laurin & Klement degli anni ’50, una Brough Superiore del 1939 che fu utilizzata dal suo stesso costruttore, la MV Augusta appartenuta al pluricampione del mondo Giacomo Agostini, e una Indian a due cilindri ultracentenaria, datata 1912, per citarne solo alcune.
Data la passione dei gemelli Scheiber, non mancheranno anche auto d’epoca per soddisfare tutti i gusti dei collezionisti, andando dall’Alfa Romeo del 1936 che vinse la Mille Miglia alla Porsche Speedster, dalla Lotus 23B alla Ferrari California Spider.

Museo Moto d'Epoca moto esposte

MOSTRE ED ESPOSIZIONI A TEMA

Caratteristica particolare, però, del Museo di Hochgurgl, sarà quella di un’offerta perpetua di novità tra i pezzi in esposizione. Infatti, è prevista una rotazione di qualcuni oggetti, che in alcuni casi verranno anche prestati da altre collezioni, e consentiranno l’allestimento di mostre speciali e a tema. Ne è un esempio quella iniziale, dedicata agli scooter e ai sidecar, o quelle in programma che riguarderanno i mezzi fuoristrada e i battipista storici.
Inevitabile la soddisfazione dei fratelli Scheiber, come confermano le parole di Attila: “Una volta la moto serviva per correre, oggi per godere un viaggio emozionale. Il tutto ebbe inizio per pura passione, acquistando un pezzo alla volta in modo molto sporadico. Successivamente l’attività di acquisto dei mezzi è aumentata e la collezione è diventata una delle più importanti d’Austria, fino ad arrivare alla realizzazione di questo museo con i suoi oltre 190 esemplari d’epoca”.

INFO:

Orari d’apertura:  giornalmente dalle 9 alle 19.00 (fino al 24 aprile, poi si segue l’orario della stagione estiva dell’apertura del passo da metà maggio).

Punto ricarica per macchine elettriche, ma anche bici e moto elettriche. www.crosspoint.tirol