You’re right, i diritti dei viaggiatori nell’Unione Europea

Parte dall’Italia “You’re right” – È un tuo diritto, la campagna di sensibilizzazione e informazione sui diritti dei viaggiatori nell’Unione Europea, legati all’acquisto di pacchetti di viaggio o singoli servizi usando un unico punto di acquisto


Di Debora Bergaglio

Mai più brutte sorprese e reclami andati a vuoto.
Che si parta verso uno stato membro con lo zaino in spalla o con mille valigie, per un tour cittadino o in un resort da sogno, oggi lo si può fare con un diritto in più, e perché no, un po’ più tranquilli, pronti a goderci la meritata vacanza.

Da luglio 2019 parte infatti la grande campagna di sensibilizzazione e informazione sui diritti dei viaggiatori nell’Unione Europea. Si chiama You’re right – È un tuo diritto ed è promossa dalla Direzione generale della giustizia e dei consumatori della Commissione Europea che interesserà, per un anno, 10 paesi dell’unione europea: Bulgaria, Danimarca, Grecia, Spagna, Italia, Portogallo, Cipro, Romania e Slovenia.

La campagna si concentra su tre punti fondamentali:
 Viaggi a pacchetto
 Pubblicità ingannevole
 Diritto di recesso dall’acquisto entro 14 giorni

INFORMARE I CITTADINI VIAGGIATORI 

L’Italia, primo paese a partire, ha messo in campo attività di promozione incentrate sul tema dei pacchetti viaggio. Scopo della campagna è informare i cittadini viaggiatori della direttiva del 2015, entrata in vigore nel luglio del 2018, che ha introdotto per la prima volta il concetto di “accordo di viaggio collegato”, promuovendo, per gli acquisti online combinati presso uno stesso fornitore (sostanzialmente la formula volo + hotel), tutti i diritti prima applicabili solo ed esclusivamente alle formule “pacchetto”, promosse nelle agenzie di viaggio.

COME COMPORTARSI IN CASO DI CONTROVERSIE?

Si tratta di un grande passo in avanti in materia di tutela per tutti i viaggiatori, perché in grado di garantire un’ottima assistenza a livello nazionale e transfrontaliero. Il Centro europeo dei consumatori (ECC) nel paese di residenza, infatti, può consigliare i consumatori sulle possibili misure da adottare in caso di controversie, e addirittura provare a risolvere attivamente il caso attraverso la rete ECC con atto di mediazione.

Ma non solo, con la direttiva del 2015 la Commissione Europea ha posto l’accento anche sul tema delle pubblicità ingannevoli e sulla restituzione in 14 giorni dei beni acquistati. Diritti dei quali è giusto rendere consapevole ogni cittadino dell’Unione Europea, per tutelarlo in caso di contestazioni. Perché una tutela ha senso solo quando la sua esistenza è nota.
La Commissione Europea è dalla parte del cittadino e difende con gli appositi strumenti legislativi i suoi interessi, come dimostra questa direttiva e la campagna di sensibilizzazione collegata. Per questo ha fortemente voluto You’re right – È un tuo diritto, affidandosi anche al sostegno di Altroconsumo, la più diffusa organizzazione di consumatori in Italia.

www.europa.eu/youreuright (sito web attivo da luglio 2019)

APPROFONDIMENTO:

CHE COSA PREVEDE LA DIRETTIVA 2015 PER I VIAGGIATORI
Approfondimento sui diritti dei consumatori nell’acquisto di pacchetti di viaggio

Tagged