Team

Il magazine dell’Italia minore

Il 21 Dicembre 2012 nasce il magazine on line www.buonviaggioitalia.it dall’esperienza di un gruppo di giornalisti, fotografi e blogger desiderosi di raccontare un altro volto del Bel Paese. La data non è casuale: secondo il calendario dei Maya ci sarebbe stata una svolta nell’umanità, che alcuni interpretarono in senso catastrofico, altri in termini di evoluzione in senso spirituale.

Noi abbiamo scelto questa data come “nuovo inizio” per un progetto che intende cambiare il modo di parlare di turismo, in Italia e non solo. Mettendo insieme le forze, le competenze e anni di lavoro nel settore giornalistico, grafico e turistico, prende forma l’idea di diffondere un turismo lento, responsabile, che sappia valorizzare non solo le eccellenze del Paese, ma anche un’Italia minore, poco conosciuta e valorizzata, per la mancanza di risorse e di strategie di marketing adeguate.

L’Italia è il Paese delle grandi città d’arte, del Rinascimento, del buon cibo e della qualità della vita. Parallelamente l’Italia è anche fatta di piccoli borghi medievali, di vallate appenniniche tutte da scoprire attraverso sentieri e itinerari in bici, di piccoli centri urbani che hanno fatto la storia, dove nascono attività e botteghe artigiane che trasmettono saperi.

Ma www.buonviaggioitalia.it non si ferma solo ai confini nazionali e si spinge, attraverso le sue rubriche, a raccontare l’Europa e il mondo. Con “Viaggiare in Europa” e “viaggiare nel mondo”, il magazine intende esplorare – da un altro punto di vista – le bellezze artistiche, paesaggistiche e le tradizioni del mondo intorno a noi. Perché il viaggio è INCONTRO E SCAMBIO tra culture.

C’è ancora molto da conoscere e da vivere e www.buonviaggioitalia.it vuole aiutare i suoi lettori a farlo. Servizi, video, photo gallery, pubblicazioni cartacee e on line. Sono tanti gli strumenti per raccontare un Paese, e sono sempre in evoluzione. Ma tutto questo non sarebbe possibile senza i nostri collaboratori, che con passione e competenza viaggiano, vivono e poi raccontano le loro esperienze.

A tutti loro GRAZIE!

Lascia un commento