Vacanze in bici per la famiglia nel Monferrato

Percorsi in bici, rafting sul fiume, avventure ed esperienze sensoriali nei parchi e nelle strutture Baby’ s Hills dedicate ai bambini, tutto questo nel Monferrato Patrimonio Unesco e nella provincia di Alessandria


Di Silvana Benedetti

Le colline vitate, i boschi sulle rive del Po, le risaie col mare “a quadretti”, la campagna tra pioppi e campi di grano: il Monferrato e  tutta la provincia di Alessandria, accolgono con proposte dedicate le  famiglie che cercano una vacanza all’insegna non solo dei sapori autentici e di luoghi d’arte, ma anche di contatto e esperienza diretta con la natura, in paesaggi mozzafiato, recentemente nominati Patrimonio dell’Umanità Unesco. Ce n’è per tuti i gusti: trekking, bici e persino rafting in sicurezza, per soggiornare poi in strutture dedicate.  Si tratta insomma di un’esperienza in linea con le nuove tendenze studiate per il turismo che vuole essere: moderno, slow, rispettoso dei luoghi, culturale, enogastronomico e teso a creare un legame forte e autentico tra territorio e ospite.

Monferrato

ITINERARI E PROPOSTE PER TUTTI I GUSTI

Siete una famiglia che ama i due pedali ma non è particolarmente allenata? Nessun problema: si può trovare infatti la proposta più adatta attraverso oltre trenta percorsi, quelli geo-tematici e scegliere con cognizione di causa fra quelli presenti nel sito www.piemonteciclabile.com/alessandriamonferrato. Prima di mettersi in viaggio, dunque, si tratta solo di scoprire l’itinerario su misura. Sono tutti itinerari  mappati e circostanziati per difficoltà, lunghezza, pendenza, caratteristiche tecniche e paesaggistiche, ricettività e servizi. Così ogni famiglia si può scegliere il proprio percorso, in base alle esigenze, alle capacità e ai gusti.

Ecco qualche itinerario:

8446937113_5391b85887

IL PARCO DEL PO E LE COLLINE MONFERRINE

Un affascinante percorso ad anello di 65 chilometri, che da Casale attraversa le risaie della piana del Po e fa intravvedere  le prime alture del Monferrato, per immergersi nei boschi in riva al fiume, territorio del Parco del Po e dell’Orba. Tutti su strade secondarie o sugli argini, quindi perfetto per famiglie ,  ma ci sono anche tratti più collinari verso la piana caratterizzata dalle risaie e con lo sfondo dell’arco alpino.

Monferrato

A CASALE UN BOSCO DA PEDALARE TRA LA CITTA’ E IL FIUME

Quando capita di avere un bosco nella città? Anzi tra la città e il suo fiume? Stiamo parlando del Bosco della Pastrona: uno spettacolare polmone verde, di 50 ettari, che mette in relazione il fiume con la città. Grazie al Parco del Po  e in collaborazione con Bike’n Foot, il bosco, aperto a tutti, sia con guida che senza, parte proprio da Casale Monferrato, ha  un percorso che si chiama Kintana e si snoda su 12 km circa diviso in tre livelli di difficoltà. È  adatto sia agli sportivi che alle famiglie e consente escursioni nel bosco, tra aree allestite con giochi per bambini, aree sosta pic nic, la suggestiva diga, spiaggette ombreggiate e con la possibilità di fare bird watching. Tutto in un tempo percorso che va da una a due ore (soste escluse). Per info: mail: centro.visita@parcodelpo-vcal.it

ACQUI E L’ALTO MONFERRATO

Alcune “gite-itinerari imperdibili” partono da una struttura perfettamente baby hills come l’agriturismo Le Piagge a Ponzone. In un ambiente rurale semplice e “familiare” la proposta è perfetta per chi vuole vivere la natura tra sport, svaghi e relax. Giochi, letture, cucina creativa anche per i piccoli, gite sul fiume in bici e a piedi. Tutto è formato famiglia e senza “pericoli” solo per il piacere di stare nella natura e divertirsi in sicurezza. A due ruote la proposta più family si snoda su un sentiero  che si chiama “Il sentiero delle ginestre” pratica partenza dalle Piagge si raggiunge Ovrano su strada asfaltata secondaria e si scende ad Acqui Sentiero delle Ginestre.

Monferrato

UNA SCUOLA PER CICLISTI IN ERBA AL VELODROMO GIRARDENGO

Con l’avvicinarsi delle vacanze estive, una divertentissima proposta di svago a contatto con la natura per i piccoli ciclisti, è a Novi Ligure, patria di Costante Girardengo dove da non perdere c’è anche  il Museo dei Campionissimi, con reperti storici non solo sui grandi campioni che hanno fatto la storia del ciclismo italiano, ma anche sui primi prototipi di bicicletta, filmati d’epoca e tanto altro ancora.