Trekking ai Forti di Genova

Tre percorsi ad anello ai forti di Genova, per tutti i livelli, suggeriti dall’Associazione My Trekking per scoprire la bellezza del Parco delle Mura e la storia delle fortificazioni genovesi


Di Debora Bergaglio

Camminando si apprende la vita,
camminando si conoscono le persone,
camminando si sanano le ferite del giorno prima.
Cammina, guardando una stella, ascoltando una voce,
seguendo le orme di altri passi
(Ruben Blades)

L’escursione ai forti di Genova, sia dentro sia fuori il parco delle mura, è sicuramente uno fra i più suggestivi trekking in Liguria, uno dei migliori per cogliere appieno l’essenza dei sentieri e del territorio di questa Regione, pittorescamente disegnata tra i monti e il mare.

Uno dei motivi per cui vale senz’altro la pena di conoscere questi sentieri ad anello fra le fortificazioni genovesi risiede nella possibilità di modulare l’itinerario in base alla preparazione dell’escursionista. Si va, infatti, da percorsi più lunghi ed impegnativi a camminate più semplici e piacevoli, veramente alla portata di tutti. Un altro aspetto che ha incantato la sottoscritta è il sorprendente panorama sulla città di Genova e sul suo porto, che non abbandonata quasi mai, e curva dopo curva fa capolino per assumere un fascino e una luce tutte particolari. Infine, l’anello ai forti di Genova offre il grande privilegio di combinare, in un’unica escursione, natura, storia e architettura.

L’occasione per conoscere più da vicino un pezzo di territorio che fino a quel momento osservavo stupita dall’autostrada A7 in direzione Genova, è stata la giornata nazionale del camminare che quest’anno si è svolta domenica 9 Ottobre 2016. A Genova questa giornata è stata organizzata da Federtrek con il Patrocinio del Comune di Genova e con la collaborazione di molte associazioni escursionistiche territoriali, fra cui My Trekking, associazione senza scopo di lucro affiliata alla F.I.E ( Federazione Italiana Escursionismo) e a Federtrek, nonchè unico Laboratorio del Camminare per la Liguria.

E proprio My Trekking, in quell’occasione, ha suggerito tre percorsi ai Forti di Genova, tutti all’interno del parco delle mura, suddivisi per livello di difficoltà e durata, che vi segnalo di seguito, in modo che possiate percorrerli voi stessi, ammirando la bellezza di cui hanno potuto godere circa 700 persone nella splendida giornata del 9 Ottobre.

Forti di Genova

I TRE PERCORSI SUGGERITI DA MY TREKKING

NOTE: la partenza di tutti i 3 percorsi ai Forti di Genova è Righi, all’arrivo della funicolare che parte da Largo Zecca, raggiungibile a piedi o in bus dalla stazione di Genova P.Principe. Si può arrivare al Righi, oltre che con la funicolare, anche col bus 64 che parte da Manin o con mezzi propri. ( vedi in fondo all’articolo come raggiungere Righi).
L’arrivo di tutti i percorsi è Forte Begato, da cui è possibile tornare al piazzale della funicolare con circa 30 minuti di cammino seguendo la strada asfaltata.

Forti di Genova
Alcune guide dell’Associazione My Trekking

PERCORSO ROSSO (IMPEGNATIVO) 11.5 Km
Disliv. 494 mt a salire-323 mt a scendere – 3.30 h di cammino

Dall’arrivo della funicolare ci si dirige verso Torre Specola e camminando lungo le mura del Castellaccio si raggiunge Via delle Baracche, dalla quale si imbocca il sentiero dell’Acquedotto che percorrerete fino a Trensasco. Da qui si imbocca la direttissima per Forte Diamante, dal quale potrete godere di uno spettacolo unico su Genova. Si scende quindi alla Sella del Diamante e ci si dirige verso Forte Puin. Da questo Forte, lungo il sentiero delle Mura, si raggiunge prima Forte Sperone e poi Forte Begato, dove è possibile visitare l’esterno dell’area fortificata e pranzare al sacco affacciati sulla città.
Traccia GPS: http://www.gpsies.com/map.do?fileId=paekkcayoawbujru

PERCORSO ARANCIONE (INTERMEDIO) 8.5 km
Disliv. 376 mt a salire-197 mt a scendere – 2.30 h di cammino

Dall’arrivo della funicolare ci si dirige verso Torre Specola e camminando lungo le mura del Castellaccio si raggiunge Via delle Baracche dalla quale si imbocca il sentiero dell’Acquedotto per poi salire fino alla Sella del Diamante, dalla quale vi dirigerete verso Forte Puin. Da questo Forte, lungo il sentiero delle Mura, si raggiunge prima Forte Sperone e poi Forte Begato.
Traccia GPS: http://www.gpsies.com/map.do?fileId=atsrubmqyqvfvqvg

PERCORSO VERDE 5 Km : BASE
Dislivello: 251 mt a salire – 72 mt a scendere – 1.30 h di cammino

Dall’arrivo della funicolare ci si dirige verso Torre Specola e camminando lungo le mura del Castellaccio si raggiunge Via delle Baracche dalla quale, all’altezza dell’Osteria delle Baracche, si prende il sentiero delle Farfalle, che conduce a Forte Puin. Da questo Forte, lungo il sentiero delle Mura, si raggiunge prima Forte Sperone e poi Forte Begato.
Traccia GPS: http://www.gpsies.com/map.do?fileId=exwcjlkagubyhcxm

Forti di Genova
Il tracciato del trenino di Casella visto dai sentieri

PROGRAMMA DELLE GITE DI MY TREKKING

PUNTI DI INTERESSE LUNGO IL PERCORSO

Vale la pena una visita all’ Osservatorio Astronomico del Righi, che si trova proprio all’inizio dei percorsi, e magari la partecipazione ad uno degli eventi organizzati per consentire a tutti di avvicinarsi al mondo dell’astronomia. Fra le attività dell’Osservatorio vi sono visite guidate diurne e notturne, corsi di astronomia, conferenze e osservazioni del cielo al telescopio per singoli visitatori.

SOSTE GOLOSE

Ostaia Du Richetto, Via del Peralto, 3/R, 16136 Genova
Si trova proprio lungo la strada asfaltata che si percorre per rientrare al punto di partenza dei percorsi indicati, ovvero il Righi. E’ una tipica trattoria con cucina ligure, ottima per un aperitivo o una cena con vista panoramica sulla città, assaporando specialità locali come trofie al pesto, picagge al tocco de funzi e le imancabili acciughe, solo per citarne alcune.

CURIOSITA’

IL PARCO DELLE MURA

Si tratta di un’Area Naturale Protetta d’interesse locale, delimitata dalle cosìdette Mura Nuove, erette nel Seicento a maggior difesa della città e del suo bacino portuale. Il Parco racchiude e tutela 617 ettari di paesaggio fra la Val Bisagno e la Val Polcevera, abitate da specie animali e vegetali rare e protette, e custodisce, inoltre, alcuni forti militari costruiti fra il XVII e il XIX secolo.

COME RAGGIUNGERE IL RIGHI:

CON LA FUNICOLARE ( biglietti bus AMT)
attiva ogni 30 minuti (circa) da piazza della Zecca, con fermate intermedie San Nicola, Santuario della Madonnetta, San Simone.

IN BUS
Da piazza Manin con il Bus 64.
Dalla stazione di Genova Brignole con i Bus 39 e 40.
Dalla stazione di Genova Principe con il bus 38 e poi da Granarolo con il Bus 355.

A PIEDI O IN BICI

Dall’Acquario (Porto Antico):
piazza Banchi – Castelletto – salita San Gerolamo – salita E. Cavallo – Righi.

Dalla Zecca:
salita Carbonara – salita San Nicolò – salita Superiore San Simone – Righi.

Dalla stazione Principe:
salita San Rocco – salita Granarolo – Righi.