Sud Sardegna, a piedi verso l’antica città di Nora

Un breve ma affascinante itinerario nel Sud Sardegna, alla scoperta del sito archeologico di Nora, nell’omonima baia, a sud di Cagliari


Di Federico Zerbo, il ” Forrest Gump” italiano – da trekker a walker

Di recente ho trascorso un breve periodo di vacanza in Sud Sardegna, precisamente a Pula, graziosa località 40 km ad ovest di Cagliari. Zona poco aggredita dal turismo di massa, è caratterizzata da un territorio prevalentemente pianeggiante, con macchia mediterranea, numerose splendide spiagge ed un mare che lascia senza aggettivi.

Sud Sardegna

SUD SARDEGNA: INCANTO SELVAGGIO

A due km da Pula si trova la spiaggia di Nora, una bellissima baia, raggiungibile oltre che in auto, anche a piedi o in bicicletta, sfruttando una pista ciclabile molto ben costruita. Al termine della baia lato ovest si trova il promontorio di Pula, sul quale sorge l’antica città di Nora, un sito archeologico davvero interessante e, secondo alcune fonti, la prima città della Sardegna.

Ho pensato quindi di coniugare la bellezza del camminare con l’aspetto storico e culturale, raggiungendo Nora a piedi con un percorso lungomare, camminando sull’omonima spiaggia.

Sud Sardegna
Il breve itinerario parte dal punto più orientale della baia, non occorre nulla, nemmeno le scarpe, si cammina sulla sabbia a pochi metri dal mare in vista del promontorio, direzione ovest. È il concetto primitivo del camminare: natura, aria pulita, mare splendido e la forza delle proprie gambe.

STORIA E TRADIZIONI ISOLANE

Dopo poco più di un km incontriamo sulla destra, direttamente sulla spiaggia, l’antica Chiesa romanica di Sant’Efisio, sicuramente meritevole di una visita, che fu eretta nel 1089 nel luogo dove secondo la tradizione, Sant’Efisio fu martirizzato e vennero conservate le sue spoglie. Da qui si sviluppò il culto che oggi lega la Sardegna alla figura di questo Santo, patrono dell’Isola, celebrato ogni anno a Cagliari il primo maggio di ogni anno, dal 1657.

Sud Sardegna

LA TORRE DEL COLTELLAZZO

Proseguiamo ancora per qualche centinaio di metri, fino al termine della spiaggia ed accediamo direttamente al sito archeologico, percorrendo l’ultimo breve tratto sul marciapiede, per un totale di circa due chilometri. L’antica città e la baia sono dominate dall’affascinante Torre Spagnola, soprannominata “Del Coltellazzo “. Costruita nel 1600, come torre di avvistamento e difesa, dotata in passato di quattro cannoni, è visitabile e molto ben conservata ed attualmente utilizzata come punto di segnalazione. La presenza di queste torri è una peculiarità della Sardegna, se ne contano in tutta la Regione addirittura sessanta.

Sud Sardegna

Arriva finalmente il momento dell’ingresso nel sito archeologico. L’insediamento fenicio di Nora fu fondato fra il IX e l’VIII secolo a.C. per scopi commerciali e assunse valenza urbana con l’arrivo dei Cartaginesi. Da abili navigatori i Fenici lo costruirono in posizione davvero strategica, con tre approdi per le loro navi, ad est , sud ed ovest, per sfruttare al meglio ogni tipo di vento. Il suo vero sviluppo avvenne però in età romana, con un ampliamento della città e l’aggiunta di numerosi edifici.

La visita guidata scorre piacevolmente in un’ atmosfera molto suggestiva, toccando la necropoli, il tempio, le grandi terme centrali, il Santuario di Esculapio, la casa patrizia con i suoi mosaici e termina con l’anfiteatro, molto ben conservato, sotto la dominante Torre Spagnola.

Sud Sardegna

Il ritorno può avvenire sempre sulla spiaggia o per la piacevole pedonale che la fiancheggia, soddisfatti ed anche un po’ sorpresi, per il grande fascino del luogo. Anche oggi abbiamo scoperto una delle tante sfaccettature del camminare, di quanto la realizzazione e la bellezza della nostra esistenza, dipenda dal nostro atteggiamento, di quanto la nostra felicità, dipenda dalla nostra volontà di trovarla.

Sud Sardegna
INFORMAZIONI UTILI

Località di partenza: spiaggia di Nora ( Pula )
Lunghezza: 4 km a/r, 1 ora
Orario di apertura: 9 / 20 con visita guidata di 45 minuti ogni ora
Costo ingresso: euro 7.50
Visite consigliate: Torre Spagnola e Chiesa di Sant’Efisio

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Sardegna a Piedi, undici itinerari lungo la Costa