Escursioni invernali: il Santuario di Cà del Bello

L’inverno rende tutto diverso, anche le escursioni. Cambiano la luce, la temperatura, i suoni della natura, la nostra resistenza. E cosi, uno stesso itinerario, acquista un sapore diverso. Fra le nostre escursioni invernali, il santuario di Cà del Bello


Di Federico Zerbo

Gli itinerari invernali hanno caratteristiche differenti rispetto a quelli negli altri periodi dell’anno. L’eventuale presenza di neve, le temperature rigide e le giornate brevi, impongono percorsi più limitati, sia come sviluppo chilometrico, sia altimetrico. L’ ultimo decennio ha visto l’esplosione della moda delle ciaspolate, progressione su neve alla portata di tutti; le ciaspole o racchette da neve infatti, sono particolarmente semplici da utilizzare, anche per i neofiti, rispetto agli sci o ai ramponi, indispensabili in ambienti decisamente più impegnativi.

In alternativa, ci si può dedicare ad itinerari collinari, che possono dare grande soddisfazione, se affrontati con l’approccio adeguato. Un atteggiamento da considerarsi quasi di “recupero”, in attesa delle fatiche in montagna nella bella stagione.

Questa volta desidero proporre un percorso molto semplice, ma non banale: la salita al Santuario di Ca del Bello, nel Comune di Borghetto Borbera, (Provincia di Alessandria) raggiunto percorrendo la prima parte dell’omonima valle. Come detto, non una gita banale: sette km in totale, su strada a tratti asfaltata, a tratti sterrata, un’ora di salita in un ambiente piacevolmente agreste, ideale per ritemprare lo spirito e non stressare eccessivamente il fisico.

escursioni invernali

Dalla piazza del Municipio di Borghetto, si percorrono poche centinaia di metri all’interno del paese, fino all’incrocio che attraversa la provinciale; proseguiamo poi diritti seguendo l’indicazione per il Santuario (55 minuti/ 490 m slm ). La prima parte è praticamente pianeggiante, siamo già immersi nella natura, in un clima ideale per una scampagnata con la famiglia. La fase centrale è indubbiamente la più faticosa, con pendenze che in alcuni tratti superano il 15%. Mi sento assolutamente di consigliare questo percorso anche agli amanti della mountain bike adeguatamente allenati, è  una salita di grande soddisfazione. Nell’ultima parte la salita si fa nuovamente più dolce in corrispondenza del rettilineo finale, che ospita le cappelle della Via Crucis, ottimamente conservate.

escursioni invernali

Il Santuario, dalle dimensioni ragguardevoli, è costruito praticamente all’interno del bosco, ed è teatro di un pellegrinaggio in occasione della festività della Madonna della Neve,  la prima domenica di agosto. Ogni volta che lo raggiungo, è un’esperienza sempre piacevole, vuoi per il panorama privilegiato sulla Val Borbera, vuoi per l’atmosfera semplice e rilassante che si respira in questo luogo.

Dal Santuario partono molteplici itinerari, sempre sullo stesso stile “familiare”: in sette km all’interno del bosco si può raggiungere infatti un altro Santuario, quello di Montespineto, nel Comune di Stazzano; oppure le frazioni di Albarasca e Vargo e da qui i Comuni di Sardigliano o di Stazzano. Un’ esperienza alla portata di tutti, che lascia in bocca il sapore delle cose semplici e nel cuore la grande motivazione per un 2016 pieno di avventure.

INFORMAZIONI UTILI

Località di partenza – Borghetto Borbera
Difficoltà – Turistico
Dislivello – 250 m
Tempo di salita – 1 ora
Tempo di discesa – 50 minuto
Lunghezza a/r – 7 km
Periodo consigliato – tutto l’anno