Ciaspolata in Val di Rhemes

La passione per la montagna e le ciaspole ci porta in Val d’Aosta, nella splendida Val di Rhêmes. Seguiteci in questa ciaspolata


Testo e foto di Vittorio Puggioni

Il nostro itinerario si sviluppa in Valle d’Aosta, nella splendida Val di Rhêmes, per la precisione in località Chanavey, e la ciaspolata parte proprio in corrispondenza degli impianti di risalita. Appena superata la zona di arrivo da dove partono gli impianti, ci troviamo all’imbocco della pista da sci di fondo e da qui inizia il nostro itinerario. Inizialmente, il sentiero per le ciaspole condivide parte del percorso con la pista da sci, che poi lascia per inoltrarsi nel bosco.

ciaspolata
Raggiungiamo e superiamo un ponte che fa parte della pista da sci e andiamo dritti. Ora l’ampio sentiero costeggia la Dora di Rhêmes, mentre sullo sfondo davanti a noi si erge la mole imponente della Granta Parey.

IL VILLAGGIO DI RHEMES NOTRE-DAMES

Mentre procediamo nella meravigliosa ciaspolata, di là dal torrente possiamo vedere la pista da fondo contornata da splendide pareti rocciose. Raggiungiamo il villaggio di Rhêmes Notre-Dames che ci accoglie con la sua tipica chiesa dal caratteristico campanile. Attraversiamo il paese e procediamo lungo la poderale che ci porta ad inoltrarci nella valle. Qui il panorama si apre in uno scenario di grande impatto. Risalendo la poderale non dimentichiamo di guardare con attenzione nel bosco al nostro fianco; non è raro incontrare i camosci…

Incontriamo e superiamo un’edicola in pietra fino a raggiungere le indicazioni per Village Pont e Col d’Entrelor. Se desideriamo tornare indietro e compiere l’anello che ci riporterà al punto di partenza possiamo deviare qui.

UN PERCORSO PIU’ IMPEGNATIVO

Una volta nel villaggio è bene informarsi sullo stato del sentiero prima di intraprendere il cammino. In caso contrario possiamo proseguire lungo la poderale che ci porterà, se le condizioni ambientali ce lo permettono, per i più coraggiosi, fino al rifugio Benevolo. Si tratta di un percorso molto lungo, da fare solo se si è preparati fisicamente.

UN SALUTO ALLA GRANTA PAREY

ciaspolata
Quando lo desideriamo possiamo fermarci e fare lo stesso persorso a ritroso e ritornare al punto di partenza. Costeggiando le rive della Dora di Rhêmes soffermiamoci ad osservare l’acqua che si fa strada tra il ghiaccio creando anche forme curiose. Voltandoci potremo dare un ultimo saluto alla Granta Parey, che dall’alto della sua mole ha osservato il nostro cammino…

INFORMAZIONI UTILI

Si tratta di un percorso facile che non presenta difficoltà. Giunti nel villaggio di Rhêmes Notre-Dames potrebbe essere necessario togliere momentaneamente le ciaspole per rimetterle all’inizio della poderale fuori dall’abitato. Prima di inoltrarsi nella valle informarsi sulle previsioni riguardanti il pericolo valanghe e fino a dove è il limite di sicurezza; in genere il pericolo è più elevato in primavera, dovuto allo scioglimento dei ghiacci e della neve e alla particolare conformazione del versante di destra, per chi sale, della valle. Si può risalire la poderale a proprio piacimento, ma come detto nella descrizione, spingersi lungo il percorso che porta fino al rifugio prevede una ottima preparazione fisica e la consapevolezza che i tempi di percorrenza dell’escursione si prolungano molto. In inverno le ore di luce sono molto più limitate che in estate…

INDICAZIONI STRADALI

Autostrada della Valle d’Aosta. Uscita Aosta Ovest – St. Pierre.
Proseguire in direzione Courmayeur e Saint-Pierre. Superare Saint-Pierre fino a raggiungere Villeneuve, a destra si incontrano le indicazioni per Valsavarenche e Val Di Rhêmes e per Introd. Raggiungere e superare Introd. Si raggiunge il bivio tra Valsavarenche e Val di Rhêmes, procedere seguendo l’indicazione fino ad incontrare la località Chanavey, riconoscibile per gli impianti da sci con il posteggio adiacente.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Le cascate di ghiaccio di Lillaz

Ciaspolata nel Parco Nazionale Gran Paradiso

 

Tagged , , ,