Mostre a Prato: “Legati da una cintola”

Fra le mostre a Prato vi segnaliamo “Legati da una cintola”. La cintola è una reliquia ed è la cintura che avvolgeva il sudario di Maria. Oggi conservata all’interno del Duomo di Prato, nella bella Cappella del Sacro Cingolo


Di Susanna Bagnoli. Mostre a Prato

Siamo abituati a pensare a Prato come a una città industriale, nota soprattutto per la produzione nel  settore del tessile. Prato è anche una città dal sapore antico, con una storia e tradizioni culturali che affondano le radici nel Rinascimento, radici che incontriamo passeggiando per le strade del centro storico.

mostre a Prato Palazzo Pretorio
Palazzo Pretorio

I  palazzi, i porticati, le chiese ci ricordano che questa città non ha niente di meno delle altre più conosciute in Toscana e frequentate dal turismo di massa. Un’occasione per scoprirlo sono le mostre a Prato. In questo periodo, in particolare, vi suggeriamo di andare a visitare la mostra ‘Legati da una cintola’, aperta a Palazzo Pretorio da alcune settimane, che propone al grande pubblico di avvicinarsi a una delle tradizioni religiose e storiche più sentite dalla comunità pratese.

La cintola è una reliquia, è la cintura che avvolgeva il sudario di Maria, ed è conservata all’interno del Duomo di Prato, nella bella Cappella del Sacro Cingolo, chiusa in una teca. Attorno alla cintola, portata a Prato nel 1141 dal mercante Michele e da lui donata al proposto della pieve di Prato è nato nei secoli un culto profondo, molto sentito.

mostre a Prato
Bernardo Daddi, L’Assunzione della Vergine, 1337-39, New York, Metropolitan Museum of Art

La mostra di Palazzo Pretorio, sede storica nel cuore della città, racconta la storia della sacra cintola a partire dall’esposizione di un’opera realizzata nel XII secolo dal Maestro di Cabestany, autore di un capitello in cui per la prima volta fu scolpita la Vergine nell’atto di donare la cintola a San Tommaso. Il cuore della mostra è anche l’esposizione della pala d’altare dipinta da Bernardo Daddi tra 1337 e il 1338 per la cappella del Duomo in cui fu collocata la cintola in quegli anni.

La pala del Daddi oggi è divisa tra Prato, la Pinacoteca Vaticana e il Metropolitan Museum di New York, in via eccezionale è stata ricomposta per la mostra di Palazzo Pretorio. Il percorso espositivo propone molte opere pittoriche del Tre e Quattrocento che raccontano la scena dell’Assunta che consegna la sua cintola e una serie di cintole profane di età gotica, finemente decorate. Una volta usciti dalla mostra, in pochi metri si raggiunge la piazza del Duomo dove si trova la cappella della cintola, altro gioiello cittadino, un vero e proprio scrigno con affreschi di Agnolo Gaddi e sull’altare la preziosa Madonna col Bambino di Giovanni Pisano. Il Duomo di Prato è caratterizzato all’esterno dal bellissimo pulpito di Donatello, realizzato fra il 1430 e il 1438, dal quale per cinque volte all’anno avviene l’ostensione della sacra cintola. All’interno sono da visitare gli affreschi del ciclo Storie di Santo Stefano e San Giovanni Battista di Filippo Lippi.

INFORMAZIONI

Fra le mostre a Prato, ‘Legati da una cintola. L’Assunta di Bernardo Daddi e l’identità di una città’ è visitabile fino al 14 gennaio 2018. A Prato, a Palazzo Pretorio. Info www.palazzopretorio.prato.it