Il Carnevale storico di Santhià

Di Silvana Benedetti

Gli antichi detti non sempre valgono per tutti. Ad esempio quello de “L’Epifania tutte le feste porta via” non vale per Santhià, dove proprio il 6 gennaio si è aperto il Carnevale Storico che impegnerà per più di un mese questa città in provincia di Vercelli.  Lo stesso giorno vengono presentati i Bozzetti dei Carri di Prima e Seconda Categoria che sfileranno.

OLTRE 40 CARNEVALI PIEMONTESI IN SCENA

buonviaggioitalia_carnevalesanthiaGennaio e febbraio sono dedicati alle “pule” che percorrono ogni fine settimana i diversi quartieri e le campagne limitrofe raccogliendo offerte e brindando nelle case più ospitali, alle cene e agli altri appuntamenti che preparano ai giorni conclusivi, quanto tutta la città si ferma per partecipare alla festa. La settimana più intensa dell’anno inizia martedì 25 Febbraio con la Presentazione delle maschere, in cui i protagonisti di oltre quaranta  carnevali piemontesi salutano Stevulin d’la Plisera e Majutin dal Pampardù 2013 e danno il benvenuto alla nuova coppia che regnerà sul Carnevale 2014.

GIOBIA GRASS, LA GRANDE FESTA

Giovedì 27 febbraio la festa entra nel vivo: dalle 20, la sesta edizione del Giobia Grass, la grande festa in maschera all’aperto che aspetta santhiatesi e non con stand gastronomici e molta musica. Più tardi, musica dal vivo nel Palacarvé, la tensostruttura che ospita tutte le serate danzanti.

LA COLONNA SONORA DEL CARNEVALE

Tre gli appuntamenti con i Corsi mascherati: domenica e martedì alle 14.30 e lunedì alle 20 per ammirare i giochi di luce che colorano ogni carro. Al termine della sfilata di martedì, gli oltre 2.000 figuranti che partecipano alle sfilate e tutto il pubblico affollano Piazza Vittorio Veneto per la proclamazione dei vincitori delle quattro classifiche: maschere a piedi, gruppi misti, carri allegorici, distinti in due categorie in base alle dimensioni. I carri di prima categoria sono il vanto del Carnevale di Santhià: veri giganti di cartapesta,  le cui dimensioni sono limitate solo dalla larghezza delle strade che dovranno percorrere, sono costruiti utilizzando la classica tecnica viareggina importata molti anni fa dall’artista santhiatese Gianni Franceschina. Fuori gara ma molto apprezzata, la colonna sonora del carnevale: il Corpo Pifferi e Tamburi che apre la sfilata e le due bande musicali della città.

buonviaggioitalia_carnevalesanthia

FAGIUOLATA E RADUNO DI CAMPER

Prima dell’alba del lunedì vengono accesi i fuochi sotto le 150 caudere (grandi pentole di rame) per la preparazione della fagiuolata che sarà distribuita gratuitamente a mezzogiorno in punto, dopo la benedizione del parroco. La ricetta di quella che probabilmente è la più grande fagiuolata d’Italia – più di 20.000 porzioni distribuite in meno di mezz’ora! – è molto semplice:  20 quintali di fagioli di Saluggia, 150 chili di cipolle fresche e altrettanti di lardo, 10 quintali di salami, 750 foglie di alloro, 80 kg di sale. Il sipario cala la sera del martedì grasso con i lugubri rintocchi delle campane della chiesa parrocchiale che accompagnano il rogo del Babaciu, un fantoccio di stracci e cartapesta che simboleggia il carnevale trascorso. Tutta la città è in piazza, perché il Carnevale Storico di Santhià, a differenza di molti altri, è vissuto soprattutto dalla popolazione locale anche se le 20.000 porzioni della fagiuolata, il numero pubblico delle sfilate e il raduno di camper che si tiene da alcuni anni mostrano come la passione abbia contagiato anche molti non santhiatesi.  

Le prime testimonianze sull’esistenza di un carnevale a Santhià si trovano in un documento del 1318, conservato nell’archivio comunale. Una tradizione antica, rafforzata a partire da agosto 2013 grazie al gemellaggio con il Carnevale di Viareggio.

INFO

www.carnevaledisanthia.com

TAGS
carnevale storico di Santhià, carnevale Italia, Santhià, carnevali Piemonte, tradizioni Piemonte, fagiuolata, raduno camper, carnevale Viareggio, carnevale storico, sfilata carri carnevale.