BTO 2016, due giorni su turismo e innovazione

A Firenze, nei giorni 30 Novembre e 1 Dicembre, BTO 2016, la nona edizione dell’evento internazionale dedicato a idee e confronti sulle tecnologie e le innovazioni web applicate al turismo


di Alessandro Tavilla

Una splendida città sognata e raggiunta da milioni di viaggiatori, un’antica Fortezza, due ampie sale, la Oracle Main Hall e la Unicredit Main hall, e 7 Focus Hall, per i 148 eventi della 9’ edizione di BTO 2016Buy Tourism online.
Alla Fortezza da Basso di Firenze, infatti, il 30 Novembre e l’1 Dicembre, si incontreranno migliaia di operatori del settore turistico, per confrontarsi sulla sempre crescente importanza e incidenza del web nella gestione ed evoluzione del mondo dei viaggi.

Fortezza da Basso BTO 2016
Quest’anno, sarà “Why!” il minimo comune denominatore che legherà tutti gli eventi dell’ormai tradizionale kermesse su Travel&Innovation. L’auspicio, infatti, è quello di analizzare i vari “perché”, con l’intento di superare i “come”, al fine di individuare risposte chiare sui motivi che spingono famiglie, individui, coppie, gruppi, a viaggiare ricercando percorsi nuovi ed emozioni diverse. Il tutto dando un significato primario alle vite di queste stesse persone rispetto a quello dei semplici posti letto da offrirgli.

OSPITI INTERNAZIONALI NELLA ORACLE MAIN HALL

La Oracle Main Hall sarà la grande sala dedicata ai dibattiti in lingua inglese con ospiti internazionali. BTO 2016 ha invitato in questa sala per la due giorni fiorentina, i brand mondiali leader del settore turistico. Sarà l’occasione per ascoltare e colloquiare con esponenti delle aziende più in vista, che vanno, tra gli altri, da Adrian Hands di TripAdivsor a Walter Lo Faro di Expedia, da Mark Levy e Matteo Stifanelli di Airbnb a Glenn Fogel di The Priceline Group, che risponderà alle domande del founder di Phocuswright, Philip Wolf.
E via via tutti gli altri confronti a tema. Giovanna Manzi di Best Western, Brian McCabe di JDB Hotels e Renzo Iorio di Accor dibatteranno del futuro dell’hotellerie in Italia, mentre Javier Delgado Muerza di Google palerà di Big G. e del suo sviluppo.

Un incontro che si prospetta molto interessante sarà quello moderato da Giancarlo Carniani, direttore scientifico di BTO 2016, che vedrà confrontarsi Helena Egan di TripAdvisor e Peter Verhoven, direttore generale di Booking.com. Toccherà, invece, a Christopher Nurko, Global Chairman di FutureBrand, illustrare gli esiti di uno studio sullo State Branding statunitense, scaturiti da più di otto anni di indagini sul Country Branding.
Il programma della Oracle Hall terminerà con un confronto sui modi con cui internet e la tecnologia hanno cambiato il mondo del lavoro e sulle conseguenze della rivoluzione industriale 4.0. A parlarne e trarne le conclusioni saranno John Alborante di Ryanair, Fabio Lazzerini di Emirates Italia, Marco Savini di BigRock e l’autore del libro “Al posto tuo”, Riccardo Staglianò.

GLI INCONTRI E I DIBATTITI SUL TURISMO ITALIANO

Nella Unicredit Hall, invece, sarà il turismo italiano e il suo futuro ad essere al centro degli eventi previsti.
Ci saranno alcuni esempi di buone pratiche volte al settore, tra cui quello di Michil Costa, proprietario dell’Hotel La Perla di Corvara, che svelerà il suo percorso basato su sostenibilità ed equità sociale, o quello di Andrea Bartoli, notaio, che ha messo in piedi il Farm Cultural Park, un centro di cultura indipendente che punta a riscattare attraverso l’arte un territorio difficile come Logo why BTO 2016quello di Favara, nell’agrigentino. E poi, tante le iniziative che si susseguiranno: Cristina Pagetti, country manager Italia di Homeexchange.com e autrice del volume “Benvenuto a casa tua”, e Marcello Mastioni di HomeAway parleranno dei modelli di business dell’Home sharing; un esperto del settore turistico quale Antonio Pezzano e il giornalista Carlo Cambi scambieranno le loro opinioni sull’avvenire del turismo italiano; Euro Beinat, professore di Geoinformatica dell’Università di Salisburgo, tratterà di intelligenza artificiale e analisi dei dati; mentre Giovanni Boccia Artieri analizzerà il peso delle conversazioni online.
Interessante sarà anche la discussione sul rapporto Italia-Germania, di cui saranno protagonisti Alfonso Pecoraro Scanio e Anna Paola Concia, che ne esamineranno gli stereotipi e altri aspetti chiave. L’innovazione culturale sarà al centro del focus con Giovanna Barni di CoopCulture, Claudio Bocci di Federculture, Roberto Ferrari della Regione Toscana, e Francesco Palumbo del MiBACT; l’industria video-ludica come strumento di promozione del territorio, invece, sarà l’argomento trattato da Stefano Monti di Monti & Taft e Fabio Viola di TuoMuseo.
Nel programma uno spazio apposito è previsto anche per una singolare doppia intervista tesa all’approfondire le strategie di rilancio dell’Agenzia Nazionale del Turismo. Saranno chiamati a rispondere Gianni Bastianelli, direttore esecutivo di ENIT, e Roberta Milano, Direttore marketing digitale di ENIT.
Inoltre, in questa Hall ci sarà un panel dedicato alla digitalizzazione delle Pmi, in cui Ministero del Lavoro e Camera di Commercio tratteranno i progetti destinati a migliorare la visibilità web e social delle aziende.

EVENTI FORMATIVI E SPAZI PER LE REGIONI

Al di fuori delle due Hall più estese, tante altre saranno le iniziative e numerosi gli scambi di idee. Sarà prevista anche un’ampia offerta formativa, tanto ricercata negli ultimi anni. Gli eventi di formazione spazieranno tra svariati argomenti: le strategie di web marketing personalizzate; la foodiscovery e l’etica degli indici reputazionali; gli host della sharing economy; i nuovi booking engine; le chat come nuovi canali di comunicazione tra brand e consumatori; il confronto tra Snapchat e Instagram Stories, per ciò che concerne gli strumenti di storytelling aziendale; i prodotti Digital Detox, per una vacanza all’insegna dell’equilibrio mente, corpo e tecnologia.
Un programma arricchito anche dalla presenza ormai sempre più elevata degli spazi dedicati alle Regioni. Ci saranno: la Toscana padrona di casa, Umbria, Emilia Romagna, Sicilia, Lombardia, Puglia, Abruzzo, Marche, Basilicata, Liguria, Sardegna e Lazio.

Firenze Fortezza BTO 2016

STARTUP ITALIAN OPEN

Inoltre, lo sguardo di BTO 2016 sarà proiettato anche sullo sviluppo e la promozione delle Startup nostrane. Durante la due giorni di Firenze, infatti, si concluderà il contest “Startup Italian Open”, promosso da PromoFirenze e Fondazione Sistema Toscana, in accordo con Phocuswright Europe e Travel Appeal, che sceglierà e premierà la realtà più innovativa in ambito turistico tra le finaliste selezionate per la competizione, destinata poi a partecipare alla conferenza internazionale Phocuswright Europe, che avrà luogo ad Amsterdam a maggio 2017.
Ricco e molto vario, quindi, il programma di BTO 2016, che per due giorni concentrerà nel capoluogo toscano tantissime idee, analisi ed iniziative sul mondo del turismo e sul suo esponenziale sviluppo attraverso il web.