A Varese la mostra “Wim Wenders. America”

I paesaggi danno forma alle nostre vite, plasmano il nostro carattere, definiscono la nostra condizione umana e se sei attento acuisci la tua sensibilità nei loro confronti, scopri che hanno storie da raccontare e che sono molto più che semplici luoghi.”


 

Di Silvana Benedetti

Così Wim Wenders descrive il suo approccio attraverso l’utilizzo di una macchina fotografica panoramica che riproduce visioni che scardinano la normale percezione del paesaggio regalando momenti di assoluta ricchezza visiva.

Dal 16 gennaio al 29 marzo 2015 il FAI – Fondo Ambiente Italiano presenta a Villa e Collezione Panza a Varese “Wim Wenders. AMERICA”, una mostra fotografica di Wim Wenders regista e fotografo, omaggio all’amico Dennis Hopper e ad Edward Hopper, suo riferimento artistico, con cui la Villa inaugura una programmazione attenta al panorama attuale del mondo della fotografia.

 buonviaggioitalia_wimwendersaverese
Una mostra che cade proprio nell’anno in cui il mondo festeggia i settant’anni del Maestro del Nuovo Cinema Tedesco a cui verrà consegnato l’Orso d’oro alla carriera al Festival internazionale del cinema di Berlino.

Wim Wenders è stato uno degli esponenti di spicco del Nuovo cinema tedesco, nato intorno agli anni settanta. Oltre a dirigere evocativi film d’autore, l’artista si è servito del mezzo fotografico per affrontare, con struggenti immagini di paesaggi desolati, temi quali la memoria, il tempo, la perdita, la nostalgia e il movimento.

 buonviaggioitalia_wimwendersaverese
 

UN DIALOGO TRA VILLA PANZA E 34 IMMAGINI

 buonviaggioitalia_wimwendersavereseA Villa Panza Wim Wenders mette in mostra trentaquattro fotografie di cui alcune di grandi dimensioni: allestite secondo un percorso cronologico e tematico, le immagini dialogheranno con il contesto della Villa, negli spazi del piano terra e del primo piano e nelle Scuderie.

Un fil rouge accompagnerà il visitatore lungo l’esposizione alla scoperta della personale lettura dell’America del regista tedesco.

Le opere in mostra sono state realizzate negli Stati Uniti tra la fine degli anni Settanta e il 2003 e documentano ambienti, paesaggi, architetture, strade catturati dall’obiettivo della macchina fotografica di Wenders con uno sguardo acuto e profondo teso alla contemplazione dell’immensità della natura e alla potenza della luce.

Il  percorso espositivo si concluderà nella Scuderia della Villa allestita come una cappella con la spettacolare opera in cinque “atti” Ground Zero: una preghiera in immagini forte e commovente che conduce lo spettatore alla riflessione sulla violenza e sul dramma collettivo.

La mostra è a cura di Anna Bernardini, Direttore di Villa e Collezione Panza. Durante il periodo della mostra sono previste attività collaterali, proiezioni di film e laboratori ad hoc per le scuole.

L’ORSO D’ORO ALLA CARRIERA

 buonviaggioitalia_wimwendersavereseQuest’anno il Festival di Berlino assegna la massima onorificenza al regista Wim Wenders che, nel corso della 65esima Berlinale, sarà omaggiato con la proiezione di 10 titoli fondamentali della sua filmografia, completamente restaurati e digitalizzati.

Due dei capolavori della speciale line-up prevista a Berlino arriveranno anche in Italia come tributo alla carriera di uno dei più grandi registi viventi. Mercoledì 18 e mercoledì 25 febbraio, pochi giorni dopo la premiazione di Berlino, verranno proposti nelle sale italiane nella loro versione restaurata e digitalizzata Il cielo sopra Berlino (Premio per la Miglior Regia a Cannes nel 1987 che sarà proiettato solo per un giorno il 18 febbraio) e Paris, Texas (Palma d’Oro a Cannes nel 1984 che verrà proposto solo per un giorno il 25 febbraio). Il doppio appuntamento permetterà così anche agli spettatori italiani di rivedere su grande schermo due dei capolavori del visionario Wim Wenders. L’evento è presentato in Italia da Ripley’s Film e Nexo Digital e in collaborazione con MYmovies.it.