Smemoranda 2016 Mi piace

Gino&Michele e Nico Colonna, storici fondatori dell’agenda italiana più famosa, lanciano la smemo 2016 con un titolo attuale: “MI PIACE”. Un inno alle passioni più che ai social networks


Di Silvana Benedetti

Non è certo impresa facile, dopo 38 anni di vita, trovare ad ogni edizione un titolo portante alla mitica Smemoranda, uscita da pochi giorni nella usuale versione 16 mesi da Agosto 2015 a Dicembre 2016. Eppure, manco a dirlo, anche questa volta Gino&Michele e Nico Colonna, suoi  storici fondatori, ce l’hanno fatta, riuscendo a centrare un tema più che mai attuale: MI PIACE.

“Mi piace”, “I Like”, “Gefällt mir” a Berlino, “Synes godt om” a Copenaghen, e “Vind ik leuk” a Utrecht. “J’aime” a Bordeaux, “Gosto” a Porto, “Me gusta” a Valencia. E il resto lo posso immaginare. Perché mi piace la fantasia quando non cancella la realtà. La supera. La esalta, la rende grande” affermano Gino&Michele.

smemoranda

“Mi piace” – che suona come un mantra, come un contagio di energia positiva, per risollevare anche la giornata più nera, raccontato da testi e disegni degli oltre 100 collaboratori di Smemoranda.

Si quest’anno il tema è proprio “Mi piace”, non solo i “like” su Facebook, ma il “Mi piace” vero che riguardi una passione, un hobby, una persona, una canzone, un libro, un’esperienza, un film. E poi le rubriche per sopravvivere alla scuola, pensate appositamente per ogni giorno della settimana. A grande richiesta torna il countdown per la fine della scuola che ogni sabato sarà dedicato al conto alla rovescia. Questo e molto altro ancora riempiono racconti reali o immaginari, elenchi bizzarri, aneddoti, paure, speranze, battute, disegni, strisce, vignette. Tutti dentro la Smemo 2016 Mi piace! per un concentrato di cose belle da portare con sé, 500 pagine quadrettate di storie da leggere, da scrivere e da inventare.

smemoranda

E non ultimo, grazie al sodalizio con Eco-Way, la Smemo è l’unico diario in Italia Emission Free, e attraverso un progetto di impegno concreto a favore dell’ambiente – sotto la tutela di Fondazione Terra ONLUS – ha creato dal 2005 boschi per un totale di 186.000 alberi, piantati su terreni demaniali, per assorbire più di 1000 tonnellate di CO2 all’anno e restituire all’atmosfera una grande quantità di ossigeno. Li potete visitare nell’Oltrepò Pavese.