Visitare Assisi sui passi di S. Francesco

Viaggio in due puntate ad Assisi, città della pace, alla scoperta degli itinerari storico-artistico-religiosi della terra cara a San Francesco


di Debora Bergaglio

Il racconto di questo viaggio ad Assisi si svolgerà in due puntate. Informazioni, foto e spunti sono tratti da un viaggio di gruppo svoltosi a fine maggio e organizzato dalle Comunità di S. Egidio di Genova ed Alessandria, che ringrazio per avermi dato modo di conoscere questo splendido borgo attraverso la storia di S. Francesco.
Assisi è una città mistica, che mantiene ancora oggi e probabilmente manterrà sempre, uno spirito  particolare, un’energia tanto intensa da indurre Papa Giovanni Paolo II a sceglierla come luogo eletto per un incontro internazionale di pace e dialogo fra tutte le confessioni, che avvenne il 27 ottobre 1986. Era la prima volta nella storia in cui 50 rappresentanti delle Chiese cristiane (oltre ai cattolici) e 60 rappresentanti delle altre religioni mondiali si incontravano per pregare insieme per la pace. Tutto questo avvenne nella città di S. Francesco, patrono d’Italia e ora anche Santo a cui si ispira il pontificato di Papa Bergoglio, che riprendendo la vita di Francesco ha detto: “non dimenticate i poveri”.

Assisi, chiesa di Santa Maria degli Angeli

Assisi città di pace dunque, città legata al destino e al messaggio del Patrono d’Italia, ancora oggi vivo e forte per chi è aperto all’ascolto. Non importa essere credenti, credo, per respirare quest’aria di pace e questa forza che la natura di questa parte dell’Umbria può trasmetterci.
Questo Comune di più di 28 mila anime in provincia di Perugia, gemellato con Santiago de Compostela e Betlemme, può essere una meta perfetta per viaggi tematici di diverso tipo: da un turismo religioso e spirituale, ad un turismo culturale e artistico, fino ad inserirsi senza problemi in un itinerario paesaggistico e naturalistico di grande fascino. Quello che qui vi raccontiamo è un itinerario spirituale sui passi di S. Francesco, alla scoperta di una vita straordinaria che ha plasmato il destino del suo luogo d’origine, lasciando una traccia profonda nell’architettura, nel paesaggio, nell’arte e naturalmente, nella fede.

La frazione Santa Maria degli Angeli ad AssisiLa frazione di S. Maria degli Angeli vista da Assisi

UN ITINERARIO SPIRITUALE

Vi suggeriamo di dedicare ad Assisi non meno di 3 giorni, per non perdere tutte le bellezze che può offrirvi. Potete raggiungere il borgo umbro con la macchina, in treno arrivando sino alla frazione di S. Maria degli Angeli, oppure in aereo volando fino all’aeroporto di Perugia, a 12 km da Assisi, in località S. Egidio.
Soggiornare fra le mura di Assisi è un’esperienza di grande impatto ed è anche molto comodo per la visita, ma se vi sentite “pellegrini” e vi piace camminare, possiamo suggerirvi di soggiornare nella vicina frazione di S. Maria degli Angeli, dove troverete diverse strutture, tra cui anche una casa francescana di accoglienza, (la Domus Pacis). Da questa frazione si gode di una meravigliosa vista dal basso di Assisi, che si erge fiera su di un’altura del versante nord-occidentale del monte Subasio, tranquillamente dominante della pianura umbra, abbracciata alla collina come un anello al suo pianeta.

Assisi, sentiero per San DamianoIl sentiero che conduce a S. Damiano da Assisi

PARTIRE DALLE ORIGINI

Il nostro viaggio inizierà al mattino, di buon ora, con una piacevole passeggiata fino a S. Damiano, luogo da cui ebbe inizio il cammino di conversione di Francesco e architettura già esistente ai tempi del Santo. Mentre il sole si alza in cielo, in questa giornata con qualche nuvola, ripenso alla sua vita. Francesco non nacque Santo, non nacque con una predisposizione alla perfezione, ma era sempre stato generoso, questo si. Alcune fonti lo descrivono come un giovane brillante, amante del lusso e del feste, sempre allegro ed elegante. Un giovane in cui il padre, ricco mercante di tessuti pregiati, aveva riposto tante ambizioni. Ma la sua vita cambiò completamente e questo avvenne proprio nella chiesetta, allora fatiscente, di S. Damiano, dove stiamo arrivando proprio ora.

Assisi interno San Damiano

VIVERE ACCANTO AI POVERI: SCELTA RIBELLE

Bellissima, silenziosa e immersa nel verde, proprio sotto ad Assisi. Il ricordo dei primi anni francescani è qui fortissimo; fu infatti all’interno di questa chiesa che Francesco ricevette e colse il primo segno per convertisti ad una vita nuova, più “ricca”e vera di quella che stava conducendo. Il crocifisso di S. Damiano, conservato nella Basilica di S. Chiara, qui presente in una copia, parlò a Francesco dicendo: “ Va e ripara la mia chiesa che cade in rovina ”. Da questo momento egli vendette tutti i suoi averi e acquistò il necessario per riparare la chiesa. Coraggioso e ribelle, noncurante di ciò che pensava la gente, iniziò davvero una nuova vita, accanto ai poveri, agli ultimi.
La scritta “Silenzio” regna sovrana nei locali del chiostro, del dormitorio e del monastero, così come in tutti i luoghi sacri di Assisi. A differenza di quanto accade nelle Basiliche, qui il silenzio è veramente rispettato, e ciò grazie alla regolamentazione del flusso di turisti negli ambienti piccoli.

Croce a San Damiano ad Assisi

S. CHIARA E IL CANTICO DELLE CREATURE

Un frate ci accoglie gentile nel piazzale. Toccanti i luoghi in cui visse fino all’ultimo dei suoi giorni S. Chiara, “compagna di viaggio” nel cammino di Francesco. Ma oltre alla croce e al messaggio, oltre alla vita di Chiara, S. Damiano è famosa anche per un altro avvenimento importantissimo: qui fu composto il testo più antico della letteratura italiana, il “Cantico delle Creature”, un inno alla gioia nella contemplazione della vita che ci circonda, a partire da frate sole, sorella luna e le stelle, frate vento…
Nessuna foto è consentita all’interno di S. Damiano, soltanto quelle scattate col cuore, nel ricordo di un luogo che racchiude alcuni dei momenti più intensi dell’inizio e della fine delle esistenze di Chiara e Francesco. Ecco il motivo per cui abbiamo voluto iniziare da qui il nostro viaggio ad Assisi.

CONTINUA… 


TAGS

Fracesco, Papa Bergoglio, Betlemme, Santiago de Compostela, Il Cantico delle creature, S. Chiara, patrono d’Italia, San damiano, Assisi, Perugia, Umbria, Giovanni Paolo II, incontro di pace, 1986.