Tutti pazzi per il Social Trekking

Camminare per scoprire nuove destinazioni, per allenarsi, per muoversi, per raggiungere una meta, ma anche, e ora più che mai: per incontrare persone nuove, fare amicizia, sposare una causa. E’ il fenomeno del “Social Trekking”, la nuova tendenza del “turismo attivo” in Italia e nel mondo. Camminare insieme per vivere i luoghi in modo più autentico, fermandosi a conoscere chi li abita. Non solo un modo di camminare dunque, ma un vero e proprio stile di vita.

Probabilmente tutto è partito dal Cammino di Santiago, quel meraviglioso itinerario storico, religioso e culturale reso celebre nel mondo grazie all’omonimo libro di Paulo Coelho. Si sa che le emozioni viaggiano velocemente e creano le tendenze, così, l’inesorabile passaparola ha fatto crescere tanti altri cammini spirituali sparsi nel mondo e battuti da persone di ogni età, classe e religione.

trekking
Dati alla mano, il Social Trekking sembra essere uno fra i più rilevanti fenomeni turistici del momento, attraendo come una calamita soprattutto donne e single. Secondo l’Associazione Onlus Terre di Mezzo ( associazione.terre.it/sezione03/1/) sarebbero 24mila gli italiani che negli ultimi due anni hanno intrapreso il Cammino per eccellenza, quello di Santiago di Compostela.

Almeno 600mila sarebbero i camminatori abituali nel nostro Paese; per lo più single e donne tra i 40 e i 50 anni che mettono gli scarponcini per riscoprire il territorio, la bellezza delle relazioni oppure, a volte persino per costruire un Paese migliore. Ne sono esempi concreti il trekking-evento  “Cammina cammina” dedicato all’impegno politico, la marcia realizzata nel 2011 da Milano a Napoli per riflettere sui 150 anni dell’Unità, oppure ancora “Stella d’Italia”, che nel 2012 ha fatto convergere verso l’Aquila migliaia di persone da Venezia, Genova, Taranto e Messina.

trekking
Un’interessante libro di Alessandro Vergani, in uscita per Terre di Mezzo, cerca di spiegare il senso più profondo del fenomeno. Eccone alcuni spunti e frammenti.

Ci sono i Viaggi di social trekking, a cura di guide, associazioni, cooperative, che hanno come comune denominatore l’incontro con l’altro, gli altri, e che durano da un fine settimana lungo fino a una decina di giorni. E poi ci sono le Esperienze di social trekking: proposte che non sempre (o non solo) consistono in viaggi veri e propri, ma che offrono soprattutto idee per camminare insieme e occasioni d’incontro, sia tra i partecipanti che con altre realtà sociali, e che implicano anche un aspetto “politico” del camminare. Spesso di tratta di associazioni che promuovono l’escursionismo in tutte le sue forme, dalle camminate nei quartieri cittadini a forte immigrazione, all’impegno per coinvolgere anche le persone con disabilità. Alcune proposte sviluppano progetti di ospitalità diffusa in aree poco conosciute, altre sono iniziative nate tramite il web e che in parte vivono di esso, ma che diventano un volano per coinvolgere persone ed energie ”.

verganilibro

Una lettura ricca anche di proposte e itinerari, da non perdere.  

INFO
 
LIBRO
Social Tekking
di Alessandro Vergano
36 proposte per camminare insieme e fare rete in Italia e all’estero
http://libri.terre.it/libri/collana/0/libro/394/Social-trekking

TAGS:
trekking, social trekking, escursionismo, fenomeno, tendenza, vacanza, turismo, camminare, cammino di Santiago de Compostela, Terre di Mezzo, Alessandro Vergani, camminare insieme,  Paulo Coelho, stella d’Italia, 150 anni unità d’Italia.