Itinerario spirituale nella Valle del San Lorenzo

Da San Lorenzo al Mare a Costarainera, sulla strada di San Giacomo, per un compiere un percorso ad anello fra storia, natura e spiritualità, passando fra i borghi medievali della Valle del San Lorenzo


Di Debora Bergaglio, foto di Alessandro Tavilla

I “veri” itinerari spirituali si sa, si scoprono un po’ per caso, non puoi programmarli. Ed è successo proprio così nella Valle del San Lorenzo, dove mi sono trovata, quasi per caso e senza saperlo, su una rotta iacobea.

valledelsanlorenzo, s. antonio abate

Stavo visitando il suggestivo borgo di Costarainera, appena alle spalle di San Lorenzo al mare, nella provincia di Imperia, quando vagando tra vicoli, archi e muri medievali, mi sono resa conto che stavo camminando sulla “Strada di San Giacomo”. Proprio cosi, e ad informarmi è stata una targa, suffragata da altri segni sparsi lungo la via. Ho chiesto informazioni alla gente del luogo e grazie a loro sono riuscita a tracciare un itinerario splendido che sale dal mare ai monti, ripercorrendo la strada dei pellegrini e dei fedeli di un tempo. Nel momento in cui scriviamo (Ottobre 2015) l’itinerario non è ancora stato tracciato, ma se seguirete le nostre indicazioni, e con un pò di “fede” ed attenzione ai segni sul territorio, potrete scoprire questa parte di Liguria in un modo insolito e spirituale.

IL SENTIERO: SULLA STRADA DI GIACOMO

Si sale quindi da San Lorenzo al Mare verso Costarainera, in un percorso che dal mare si inoltra nell’entroterra della Valle del San Lorenzo, seguendo a piedi l’antica mulattiera che a tratti interseca la carrozzabile e che si inerpica, fra viuzze e abitazioni, sino alla meravigliosa Chiesa di S. Antonio Abate, anticamente la chiesa parrocchiale sia di Costarainera sia di Cipressa. Circa 45 minuti di salita con le spalle al mare, fra macchia mediterranea e borghi medievali, ci consentono di apprezzare il paesaggio, l’architettura rurale, ma anche la storia di questi luoghi. Mentre camminiamo non possiamo fare a meno di pensare che stiamo solcando strade un tempo percorse da fedeli diretti verso la chiesa, ma anche un cammino che si innesta sulla rotta verso Santiago De Compostela, tanto è vero che un tratto di strada si chiama proprio “Strada San Giacomo”.

E non a caso troviamo altri segnali lungo la strada: come una piccola cappelletta con la statua di San Giacomo, e poi il simbolo della conchiglia del Cammino di Santiago dipinta in blu su un muro in pietra che scende verso Cipressa, e ancora la conchiglia vera e propria nella bellissima fonte battesimale quattrocentesca all’interno della Chiesa di  S. Antonio Abate. Avendo appena percorso un cammino storico, proviamo sulla nostra pelle l’emozione e la sorpresa di ritrovare, anche in luoghi inaspettati come questo, i riferimenti di un cammino antico, arcaico e una spinta a proseguire il nostro “percorso” scoprendo nuove vie.

Non essendoci cartelli o frecce, dovrete seguire la mulattiera procedendo sempre verso l’alto e verso Costarainera. Da qui poi seguite la strada verso la Chiesa di S. Antonio Abate e una volta giunti sul poggio naturale su cui si trova la Chiesa, protetta da mura e circondata da cipressi, resterete  letteralmente stupiti dallo scenario naturalistico, dal panorama che si apre fino al mare e dalla bellezza di questo sito storico.

 S. Antonio Abate a Costarainera
Vi sembrerà di entrare in un tempio in cui natura, arte e segni sacri si fondono insieme. E quando entrerete nella bella chiesa, (che è aperta la domenica per le messe estive, oppure è visitabile su richiesta rivolgendosi al Comune di Costarainera, che fornisce anche una guida) questo viaggio nel tempo sembrerà continuare. Una transenna mediana, riscontrabile in solo cinque chiese del Ponente ligure, divide il settore delle donne da quello degli uomini. Capitelli con sculture arcaiche e primitive, tra cui un albero della vita, e poi una splendida fonte battesimale di metà del Quattrocento in Pietra di Colombina fanno bella mostra di se, con grazia ed eleganza. Ovunque regna una grande spiritualità, nella bellezza semplice e composta di questo sito, un tempo dedicato alla cura di alcune malattie come il fuoco di S. Antonio.

Usciti da questo scrigno di arte e storia, il vostro sguardo spazia su tutta la vallata e il vostro cammino può proseguire in due direzioni: scendendo verso il borgo di Cipressa (in circa quindici minuti), seguendo il segnavia rosso, oppure proseguendo la strada in direzione di uno fra i borghi più belli d’Italia: Lingueglietta, a circa due chilometri e mezzo e mezz’ora di cammino.

S. Antonio Abate a Costarainera

VERSO CIPRESSA

Se sceglierete di scendere lungo il sentiero verso Cipressa, potrete tornare sulla costa passando da “Villa Biener”, la bellissima casa museo di Judith Török e Carlo Maglitto. L’imboccatura del sentiero per scendere verso la costa s’incontra ai piedi della torre anti-barbaresca che presidia ancora il borgo dei Martini. Si tratta di un percorso suggestivo che serpeggia fra gli olivi e, di tanto in tanto, ritorna sull’asfalto della carrozzabile, prima di rigettarsi nelle fasce di olivi e lambire il parco d’arte contemporanea creato da Judith e Carlo, per poi raggiungere il mare e la spiaggia degli Aregai (nel Medioevo la plaga “degli Annegai”, o degli annegati). Da qui, seguendo la ciclabile, potrete comodamente rientrare a S. Lorenzo al Mare ammirando la costa in tutta la sua bellezza.

sentiero verso Cipressa
Il sentiero che da Costarainera ( Chiesa di S. Antonio Abate) scende verso Cipressa

VERSO LINGUEGLIETTA

Se invece deciderete di proseguire verso Lingueglietta, una volta giunti al borgo, potrete compiere un meraviglioso cammino lungo l’antica  mulattiera che troverete subito sotto la chiesa “fortezza” di San Pietro e chi vi condurrà fino al borgo occidentale di San Lorenzo, l’antica “San Lorenzo dei Lengueglia”, il piccolo borgo marinaro soggetto alla signoria feudale di Lingueglia. Si tratta di una stupenda passeggiata fra macchia mediterranea, vigneti autoctoni, campi di fiori e scorci paesaggistici sulla media e bassa vallata, accessibile a tutti, e che ricalca una di quelle diramazioni secondarie della Via Julia Augusta.

INFORMAZIONI

Partenza: S. Lorenzo al Mare
Arrivo: S. Lorenzo al Mare passando da Cipressa
oppure  S. Lorenzo al Mare passando da Lingueglietta
caratteristiche del percorso: a tratti sentiero, carrozzabile, mulattiera.
Difficoltà: alla portata di tutti, E