Cosa vedere a Pisa: il Camposanto Monumentale e i suoi affreschi

Sulla Piazza dei Miracoli di Pisa svetta la Torre Pendente, tappa imperdibile per milioni di visitatori ogni anno; ma non è l’unico monumento da visitare, e allora cosa vedere a Pisa?


Di Susanna Bagnoli

Cosa vedere a Pisa? Il Duomo, il battistero e il Camposanto Monumentale sono, oltre alla famosissima Piazza dei Miracoli, gli altri gioielli da scoprire in tutta la loro bellezza e unicità.

TORRE PENDENTE DI PISA: ACCESSO RAPIDO

BATTISTERO, MUSEO DELLE SINOPIE, CAMPOSANTO E CATTEDRALE

Proprio il Camposanto Monumentale negli ultimi anni sta ritrovando una popolarità meritata.

Camposanto monumentale dopo i bombardamenti
Camposanto monumentale dopo i bombardamenti

E’ il monumento ad aver subito i colpi più pesanti nei bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, a causa dei quali perse il tetto e soprattutto vide molto compromessi gli affreschi del Tre e Quattrocento che si trovavano sulle pareti. Affreschi di straordinario valore  che complessivamente arrivano a coprire una superficie di quasi 2mila metri quadri. Un lungo e paziente lavoro di restauro, portato avanti negli anni a più riprese, ha consentito di recuperarli e un dopo l’altro riportarli al loro posto all’interno del Camposanto.

Questa grande opera di recupero giunge a compimento in queste settimane con il ritorno in parete del Trionfo della Morte, l’affresco ad opera di Buonamico Buffalmacco realizzato tra il 1336 e il 1341, sottoposto a un lungo e delicato intervento. Il restauro del Trionfo, uno degli affreschi più antichi del Camposanto, dal 2009 è stato condotto sotto la direzione del Professor Antonio Paolucci.

Trionfo della Morte prima del restauro

UN RESTAURO IMPEGNATIVO

Un’operazione particolarmente impegnativa, portata avanti da una squadra di 12 ricercatori. Per la pulitura della superficie è stato utilizzato un sistema innovativo a base di batteri ‘mangiatori’ in grado di eliminare il materiale organico presente sull’affresco, senza danneggiare il colore originale. Inoltre la parte posteriore della pittura è stata dotata di un sistema di retro riscaldamento, formato da sensori che rilevano la temperatura della superficie dell’affresco e agiscono alzandola quando occorre in modo da evitare che si creino le condense, particolarmente dannose per la pittura.

Dettaglio Trionfo della Morte dopo restauro
Dettaglio Trionfo della Morte dopo restauro

L’affresco, dopo molto tempo, torna ad essere di nuovo ammirabile dalla comunità mondiale che ogni giorno attraversa il Campo dei Miracoli.

GIUGNO E LE TRADIZIONI STORICHE PISANE

A Pisa le prossime settimane sono dense di aventi. Giugno, infatti, è il mese delle tradizioni storiche più sentite. Dalla Luminara del 16 giugno 2018,  quando al calar della sera i Lungarni si illuminano con le fiamme di centomila lumini montati sulle facciate dei palazzi, al Gioco del Ponte, la disfida tra le squadre dei quartieri sul Ponte di Mezzo, che quest’anno viene disputato sabato 30 giugno.
Da poche settimane è stato aperto in via  definitiva il camminamento sulle mura, che offre una prospettiva in quota sulla città, e anche sulla piazza dei Miracoli. Per gli appassionati di passeggiate sono circa 3 chilometri percorribili tutti i giorni (info su www.muradipisa.it).

@SusannaBagnoli per Buon Viaggio Italia